• studiograficodeco

SAVE THE WHITE

Gli spazi bianchi

Proprio ieri curiosando su FB, mi sono trovata davanti ad un post molto bello che mi ha spinto a parlare oggi, degli “spazi bianchi”.

Parlava di chi, di tutti noi, che davanti ad un foglio bianco con un puntino nero, ci concentriamo solo e soltanto sul puntino nero. Ora, il post lo estendeva alla vita, io invece, voglio parlarne dal punto di vista visivo.

Ho sempre sostenuto e valorizzato l’importanza degli spazi bianchi, dei vuoti. Spesso siamo abituati a vedere pagine cariche, ogni spazio riempito con qualcosa, vuoti schiacciati e compressi da colori e forme…in un caos totale, dove non si riesce a capire cosa sia realmente importante . Spesso infatti ci capita di ricordare uno spot televisivo, senza avere la più pallida idea di cosa pubblicizzasse.

Ebbene, lo stesso accade spesso sulla carta, ma quel puntino nero su cui tanto ci concentriamo può assumere tutto il suo valore solamente grazie allo spazio bianco che lo circonda, che lo rende protagonista, che lo fa emergere come unico e sostanziale punto di interesse.

Lo spazio bianco fa respirare, ci concede aria vitale, distensione visiva per portarci al punto focale.

Lo spazio bianco regala equilibrio tra i neri, lo spazio bianco è, come nella vita, tutto ciò che non si vede, ma che permette, in silenzio, nel backstage, che lo spettacolo vada in scena.

E allora che sia nella vita o su un foglio di carta, ma…

SAVE THE WHITE


11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA CARTA